Le normative promozionali

Prevediamo la Manifestazione a Premio, quando il premio viene pubblicamente e unilateralmente proposto al Trade, a fronte di un target che il Trade dovrà rispettare ricordando che la FINANZIARIA 98 ha fissato dal 1/1/98 il costo complessivo delle Operazioni a Premio, nei riguardi di soggetti IVA, intorno al 60% complessivo dell'importo del premio (indetraibilità dell'IVA o imposta sostitutiva del 22%, e indeducibile ritenuta alla fonte del 25% del valore ivato).

Assistiamo la ns Azienda Cliente nella realizzazione di Singole Pattuizioni Contrattuali Bilaterali, quale procedura che legalmente esclude la Manifestazione a Premio; nei riguardi del Trade, prevedendo la corresponsione ns tramite di un concordato sconto in natura di beni di altrui produzione (Art 15 comma 2 del DPR 633/72 – Legge IVA), per qualsiasi bene o servizio prescelto.

Suggeriamo alla ns Azienda Cliente l’utilizzo della normativa degli Omaggi e/o Spese di Rappresentanza, motivati da pubbliche relazioni, o tali da generare, anche potenzialmente, benefici, anche in coerenza con le pratiche commerciali del settore, rispettando il plafond deducibile previsto rispetto al ricavo globale annuo (l’1,5 % da 0 a 10 milioni, lo 0,6% da 10 a 50 milioni, lo 0,4% oltre)

Segnaliamo che lo sconto in natura e/o l’omaggio verranno da noi direttamente corrisposti ai destinatari previsti, con indubbi benefici Aziendali, quali semplicità gestionale, e NON pubblicizzazione del valore del bene/sconto/omaggio corrisposto.

Crediamo che buoni benzina, buoni carburante elettronici, carte di credito prepagate, siano oggi le proposte più incentivanti, e meglio gradite dal Trade (Dettaglio / Ridistribuzione) sia come diretta monetizzazione per il Cliente (in alternativa ad extra sconti e/o premi in denaro), sia come possibilità di ridistribuzione ai propri collaboratori (commessi e/o venditori esterni, ecc) data la loro ANONIMITÀ complessiva.